Le caratteristiche della canapa medicinale e del cannabidiolo

A differenza del THC, un altro composto attivo della Cannabis, il CBD non crea alcun effetto psicotropo. Inoltre, non presenta effetti collaterali e non genera dipendenza dai cannabinoidi.

0
377
Canapa legale, foto generica da Pixabay

Da millenni la canapa fa parte della vita quotidiana dell’uomo. Sfruttata in un’infinità di usi, soprattutto per scopi ricreativi e industriali, questa pianta si è comunque distinta in campo medicinale.

Cos’è il cannabidiolo (CBD) e il sistema endocannabinoide

Il sistema endocannabinoide è una rete di recettori nel sistema nervoso responsabile della percezione, della concentrazione, della memoria e del movimento. Come sistema di neurotrasmissione, assicura la comunicazione tra le cellule in diverse aree del nostro corpo. È costituito principalmente da una rete di cosiddetti ricevitori CB1 e CB2.

Il CBD o Cannabidiolo invece è un componente attivo della pianta di canapa. Ha proprietà bioattive, che influenzano il sistema nervoso del sistema endocannabinoide legandosi ai recettori CB1 o CB2. L’interazione tra il CBD e i recettori del sistema endocannabinoide genera quindi una stimolazione attiva del metabolismo e dei processi fisiologici del corpo umano. Oltre a regolare il processo metabolico, il CBD agisce sulla regolazione del sistema immunitario e sull’infiammazione. Interagendo con il sistema endocannabinoide, il CBD è responsabile di un vero senso di benessere.

A differenza del THC, un altro composto attivo della Cannabis, il CBD non crea alcun effetto psicotropo. Inoltre, non presenta effetti collaterali e non genera dipendenza dai cannabinoidi.

Quali sono gli effetti del cannabidiolo?

L’olio di canapa è disponibile sul mercato in flaconi contagocce, capsule o pasta. Le concentrazioni possono variare anche a seconda dei prodotti e sono da scegliere in base agli effetti attesi. Tuttavia, il cannabidiolo funziona in molte aree ed è adatto a quasi tutti (ovviaemente previa via libera del medico), indipendentemente dall’età, dal sesso o dalle dimensioni del corpo. Solo la concentrazione degli elementi attivi va variata in base alle esigenze o ai disturbi da trattare.

Il CBD è noto, tra le altre cose, per le sue proprietà antispasmodiche, antipsicotiche, anticonvulsivanti e neuroprotettive. Ciò è spiegato da un’interazione positiva del CBD sul sistema endocannabinoide. Depositandosi direttamente sulla superficie delle cellule nervose, i componenti attivi del Cannabidiolo agiscono sui recettori degli endocannabinoidi e provocano marcati cambiamenti fisiologici, alleviando tra l’altro stress e ansia. Oltre a rendere il sistema nervoso più resistente, creano una sensazione di euforia e benessere, senza generare un effetto elevato come il THC.

Inoltre, il CBD offre una sensazione di calma, rilassamento e rilassamento muscolare. Riducendo il dolore e favorendo il sonno. Grazie alle sue proprietà analgesiche, allevia il dolore associato a varie malattie infiammatorie croniche.

Il CBD stimola i recettori degli endocannabinoidi. Questo si manifesta in una modulazione della concentrazione, oltre che in un miglioramento della memoria e del sistema cognitivo in generale. Inibendo l’inattivazione crescente del sistema endocannabinoide a causa dell’età, dello stress o della stanchezza cronica, ha effetti rivitalizzanti reali.

Grazie ai suoi effetti rilassanti e antiemetici, riduce anche gli effetti collaterali della chemioterapia, tra cui nausea e dolore.

Il CBD è anche noto per combattere le dipendenze. Questo è particolarmente vero nelle persone dipendenti da THC e cannabinoidi sintetici con effetti elevati. Fornendo una sensazione calmante, il CBD offre un effetto di benessere simile al THC, senza avere le stesse proprietà psicoattive. Ha anche il suo posto nella cessazione del fumo e nel trattamento contro la dipendenza da oppiacei.

Va notato, inoltre, che la pianta di cannabis è l’unica fonte naturale conosciuta di cannabinoidi, oltre agli equivalenti naturali prodotti dall’organismo. Pertanto, il consumo di CBD – ovvimente previa controllo medicale – è un’importante alternativa per ottimizzare l’attività del sistema nervoso.

Attenzione, però: si possono trovare cannabinoidi sintetici che hanno gli stessi effetti ma che potrebbero avere conseguenze negative sulla salute e sul cervello. Quindi i cannabinoidi sintetici e naturali non forniscono affatto gli stessi benefici per la salute.

Chi può beneficiare degli effetti del cannabidiolo e per quali disturbi

L’industria della canapa medicinale è cresciuta molto rapidamente negli ultimi anni. Il CBD è particolarmente indicato – salvo parere medico – per alleviare il dolore e l’infiammazione. Ottimizzando la risposta naturale del sistema nervoso, agisce come analgesico e antinfiammatorio. È adatto, qualora il medico lo ritenga utile, per le vittime di malattie infiammatorie croniche tra cui l’artrosi reumatoide, la fibromialgia o la spondilite anchilosante.

Oltre ad alleviare la sofferenza fisica, il CBD agisce efficacemente sul morale e sulla mente. Agendo come un antidepressivo naturale, il CBD può essere un coadiuvante nei casi di depressione e aiuta ad alleviare i disturbi mentali (in qualsiasi caso è importante consultare prima un medico). Un ansiolitico efficace è coinvolto nella regolazione dell’ansia, dell’ansia, degli sbalzi d’umore e persino degli attacchi di ansia.

Come alternativa naturale efficace ai farmaci di sintesi, il CBD può supportare le terapie medicali nel trattamento dell’epilessia e delle convulsioni.

Il CBD migliora anche la salute del cuore su base giornaliera. Oltre alle sue proprietà antinfiammatorie potenzialmente utili per i problemi cardiaci, aiuta a rilassare le pareti arteriose e allevia la tensione nei vasi sanguigni. Grazie ai suoi principi attivi, il CBD riduce le sensazioni di nausea e vomito, in caso di disturbi come infiammazioni croniche dell’intestino e del colon, diabete o epilessia.

Il CBD è anche usato anche in ambito medico nel trattamento di condizioni come la sclerosi multipla. Grazie alle sue proprietà sebostatiche, trova anche il suo posto nel ridurre gli effetti di alcune condizioni più lievi come l’acne o i problemi di capelli. Può essere utilizzato nel massaggio per alleviare i muscoli stanchi e doloranti.

Ovviamente, non ci stanchiamo di ripeterlo, non parliamo di un farmaco, ma chi vuole utilizzarlo per “curare” patologie o alleviarle deve prima rivolgersi al proprio medico di fiducia e concordarne l’utilizzo con lui.

Rispondi

LASCIA IL TUO COMMENTO
Metti il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.