Ego International al World Economic Forum

Il World Economic Forum, secondo Ego International, ha portato interessanti spunti di riflessione

0
298
World Economic Forum
World Economic Forum

Ego International al World Economic Forum: innovazione e globalizzazione al centro

Ego International ha osservato con attenzione il World Economic Forum (noto anche come Forum Economico Mondiale) tenutosi a Davos, ottenendo degli spunti di riflessione interessanti.

Il World Economic Forum (WEF) racconta Ego International, in origine era una conferenza accademica, economica e di gestione che richiamava soltanto personalità accademiche. In anni più recenti il suo ideatore, Klaus Schwab, ha iniziato ad estendere l’invito al WEF anche a CEO di rilevanza mondiale per abbracciare, successivamente, anche personalità politiche.

Ego International illustra i temi del World Economic Forum di Davos 2019

I temi principali trattati durante il forum, ricorda Ego International, sono stati l’industria 4.0, i cambiamenti climatici e la gestione della nuova globalizzazione. Il focus principale del forum è ruotato attorno, spiega Ego International, alla gestione di questa globalizzazione che sarà centrata sull’uomo e sull’ambiente. Il periodo di forte instabilità appena trascorso avrà, e sta avendo, sempre di più un forte impatto sulle dinamiche geo-economiche mondiali e sulle forze geopolitiche.

Il WEF, sostiene Ego International, ha portato alla luce come l’industria 4.0 stia diventando una vera e propria rivoluzione industriale, sebbene ancora non sia stata inquadrata tanto dal punto di vista temporale quanto dei benefici che porterà all’economia globale. Il forum, secondo Ego International, si prefigge l’obiettivo di provare a prevedere quali possano essere le problematiche e le soluzioni legate alla nuova rivoluzione industriale. Dal momento che stiamo entrando in un cambiamento plasmato da tecnologie avanzate dove il mondo digitale biologico s’intersecano per dare vita ad innovazioni ad alta velocità come mai prima d’ora.

Ego International al World Economic Forum: il tema del protezionismo

All’interno del forum il primo argomento che è stato trattato, riporta Ego International, ha riguardato il protezionismo. Quello che sta avvenendo fra Stati Uniti e Cina, sottolinea Ego International, preoccupa tutti i paesi, che al momento rimangono ad osservare questa guerra commerciale. La stessa Cancelliera tedesca Angela Merkel s’è rivolta indirettamente al presidente americano Donald Trump, invitando tutti ad avere una posizione netta contro i movimenti populisti e nazionalisti, ed abbracciando approcci multilaterali.

Ego International e l’intervento dell’Italia al World Economic Forum

Ego International riporta gli interventi di Giuseppe Conte, Presidente del Consiglio dei Ministri italiano, e di Giovanni Tria, Ministro dell’Economia. Il ministro Tria, dopo diversi attacchi nei quali si definiva l’Italia responsabile, insieme a Berlino, della lentezza della crescita europea, ha rassicurato che gli obiettivi di deficit e di PIL per il 2019 verranno raggiunti. Il Premier ha poi preso la parola per ribadire come l’Unione Europea debba tornare ad essere fatta dal popolo e per il popolo. Ego International ha apprezzato particolarmente come all’interno del World Economic Forum sia stato dato spazio alle tematiche della regolamentazione del commercio elettronico globale ed all’economia circolare, fulcro dello sviluppo futuro. Lo scopo principale, continua Ego International, dovrà essere quello di ricostruire la fiducia dei cittadini nelle istituzioni europee, dal momento che è venuta meno negli ultimi anni.

Rispondi

LASCIA IL TUO COMMENTO
Metti il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.