GUIDA: Montemonaco

Montemonaco è un Comune della Provincia di Ascoli di poco più di 500 abitanti. Si tratta di un caratteristico borgo medioevale che sorge nell'alta Valle dell'Aso, proprio sotto il monte Sibilla, alto 2173 metri

1
189
Una veduta storica di Montemonaco, in provincia di Ascoli
Una veduta storica di Montemonaco, in provincia di Ascoli

Montemonaco è un Comune della Provincia di Ascoli di poco più di 500 abitanti. Si tratta di un caratteristico borgo medioevale che sorge nell’alta Valle dell’Aso, proprio sotto il monte Sibilla, alto 2173 metri.

Anche per questo Montemonaco è meta ideale per escursionisti, appassionati di montagna e cercatori di funghi. Sul suo territorio, inoltre, si trovano un bacino alpino, il Lago Di Pilato, e la Grotta della Sibilla: qui, infatti, per secoli avrebbe abitato la mitologica veggente conosciuta per i sui suggerimenti e le sue previsioni “sibilline”. Ma raggiungere questi luoghi non è facile e dalla frazione Foce – col sentiero 132 – richiede quasi quattro ore di cammino.

L'ingresso della Grotta della Sibilla a Montemonaco, in provincia di Ascoli
L’ingresso della Grotta della Sibilla a Montemonaco, in provincia di Ascoli

Alla Sibilla è anche dedicato un museo (via Roma, aperto dalle 10 alle 12 e dalle 16.30 alle 19 nei mesi di luglio e agosto) che raccoglie materiali sul mito e una pietra ritrovata nella zona, con particolari incisioni, che pare avesse una funzione magica e fosse utilizzata per sacrifici rituali. Anche umani.

Da segnalare anche la chiesa di San Lorenzo in Vallegrascia, che si trova – tra i boschi – nell’omonima frazione tra il Sentiero dei Mietitori e la Via Francigena. La chiesa, visitabile solo chiedendo le chiavi al custode locale, risale a un periodo fra il VII e il IX secolo e conserva due lastre di arenaria scolpite nel 1050 da due uomini, tali Atto e Guitonio,
che vollero rappresentare (con agnelli, leoni, draghi e altre figure leggendarie) la storia del peccato dell’uomo e della sua redenzione tramite Cristo.

TORNA ALL’INDICE DELLA GUIDA DI ASCOLI E PROVINCIA

Un comento

Rispondi

LASCIA IL TUO COMMENTO
Metti il tuo nome qui