Seconda casa in Italia: breve guida per gli acquirenti stranieri

0
192
Vivere in Italia, foto da ufficio stampa Alkemy

L’Italia è un paese famoso per molti suoi aspetti e peculiarità, come nel caso del cibo e dell’artigianato, per non parlare delle bellezze paesaggistiche. Proprio quest’ultimo fattore spinge molti stranieri ad investire nell’acquisto di case, soprattutto in certe regioni specifiche dello Stivale.

Comprare una casa in Italia, infatti, significa investire in un bene di grande valore, specialmente se si parla delle abitazioni presso le località balneari e turistiche più gettonate. Le seconde case diventano dunque una potenziale fonte di reddito molto ricca, per tutti coloro che riescono ad accaparrarsi le migliori. Vediamo una breve guida per gli acquirenti stranieri interessati a questo genere di abitazioni.

Le seconde case in Italia e gli acquirenti stranieri

Quando si parla di Italia e di seconde case, ci sono certi paesi che più di altri dimostrano di nutrire molto interesse nei confronti delle nostre abitazioni in vendita. Il primo paese in lista, vincitore di questa speciale classifica con un distacco abbastanza netto, sono gli Stati Uniti d’America.

Gli USA considerano infatti la Penisola come una perfetta “terra di conquista” dal punto di vista immobiliare. Non solo USA, perché molti paesi si dimostrano interessati all’acquisto di una casa in Italia: lo dimostra il boom di ricerche su Internet, con un picco del +16% nei mesi estivi del 2020. Questo rappresenta un bene anche per i venditori, dato che i prezzi delle case non hanno subito grandi scossoni a causa della crisi, mantenendosi sugli stessi livelli.

Alcuni consigli per gli acquirenti stranieri

Chi compra una seconda casa in Italia deve essere consapevole dei costi maggiori rispetto a quelle relative all’abitazione principale. Nello specifico, i costi che pesano di più sono le imposte e le tasse, ma anche il mantenimento dell’abitazione secondaria può arrivare a gravare molto sul bilancio annuo. Per questo è consigliabile informarsi in anticipo riguardo alle diverse proposte dei fornitori per le utenze della seconda casa: le offerte per la luce a prezzo bloccato di Accendi Luce e Gas ne sono un esempio, l’importante è valutare attentamente i consumi e le esigenze specifiche e fare la scelta migliore.

Ritornando alla burocrazia, spesso gli stranieri non sono abituati ai meccanismi complessi che purtroppo troviamo nella Penisola, quindi è opportuno studiare ogni dettaglio prima di lanciarsi in questa avventura. Si fa riferimento ad esempio alle procedure d’acquisto, passando per il primo step (la proposta) e proseguendo con la stipula del contratto preliminare di vendita, le cui clausole vanno studiate con molta attenzione. In secondo luogo, è importante affrontare con attenzione anche l’analisi dell’immobile e la stipula del rogito. Chiaramente si consiglia di informarsi prima sulle varie tasse tricolori da pagare sulla casa, affidandosi ad un esperto del settore, così da evitare qualsiasi sorpresa non gradita.

Concludendo, gli stranieri interessati all’acquisto di una casa in Italia sono tantissimi, per via dei grandi vantaggi proposti da questa forma di investimento, soprattutto a scopo turistico. Di contro, è sempre opportuno procedere con grande cautela, studiando tutti i dettagli visti in questo articolo, e senza lasciare nessun aspetto al caso.

 

Rispondi

LASCIA IL TUO COMMENTO
Metti il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.