+++ L’Ascoli Picchio è salvo! +++

L'Ascoli Picchio ce l'ha fatta. Al termine di un incontro sofferto e combattuto su ogni pallone la squadra di Serse Cosmi ha difeso con le unghie il risultato dell'andata, condannando l'Entella alla retrocessione

2
145
La festa dei tifosi dell'Ascoli Picchio
La festa dei tifosi dell'Ascoli Picchio

L’Ascoli Picchio ce l’ha fatta. Al termine di un incontro sofferto e combattuto su ogni pallone la squadra di Serse Cosmi – in uno stadio Del Duca al gran completo – ha difeso con le unghie il risultato dell’andata, condannando l’Entella alla retrocessione. Un risultato giusto per quanto visto in campo, dove i Piceni – nonostante non siano riusciti ad andare in rete – hanno dimostrato di valere più degli avversari e di meritare più di loro la permanenza in serie B.

Tanta la tensione in campo, dove le due squadre iniziano studiandosi. Entella tiene palla, Ascoli gioca di rimessa e sugli sviluppi di un angolo sfiora il vantaggio con Kanoutè (poco sopra la traversa). Il Picchio punge con insistenza e nel finale sfiora ancora il vantaggio con Baldini. Stesso copione nella ripresa: Mengoni manca l’appuntamento con la palla dopo il passaggio di Clemenza, che al 10′ manda la palla di poco fuori. Entella si vede per la prima volta su calcio di punizione: Aramu crossa per Bendetti, che sotto rete manca la porta. Ma è sempre Ascoli ad avere le occasioni migliori, sfiorando ripetutamente il goal della serenità. Anche se nei minuti di recuperol Aramu manca la rete della beffa, che avrebbe spedito immeritatamente il Picchio in C.

La sorte è stata giusta e ha premiato mister Cosmi. Questa salvezza è soprattutto merito suo.

ASCOLI-VIRTUS ENTELLA 0-0

ASCOLI (3-5-1-1): Agazzi; Padella, Mengoni, Gigliotti; Mogos, Addae, Kanoutè, Baldini (53′ D’Urso), Pinto (78′ Mignanelli); Clemenza (93′ de Santis); Monachello. All. Cosmi.

VIRTUS ENTELLA (4-4-1-1): Paroni; Benedetti, Pellizzer, Cremonesi (76′ Acampora), Aliji (50′ De Luca); Troiano, Crimi; Gatto (60′ Icardi), Ardizzone; Aramu; La Mantia. All. Volpe.

2 COMMENTI

Rispondi

LASCIA IL TUO COMMENTO
Metti il tuo nome qui