Ridurre l’apporto di carne è vantaggioso per la salute e non solo 

La dieta vegana e vegetariana, da qualche tempo a questa parte, ha conquistato un grande numero di persone, che hanno deciso di abbandonare completamente la carne, e in certi casi anche i suoi derivati

0
201
Bistecca, foto generica da Pixabay

La dieta vegana e vegetariana, da qualche tempo a questa parte, ha conquistato un grande numero di persone, che hanno deciso di abbandonare completamente la carne, e in certi casi anche i suoi derivati.

Le ragioni dietro questa scelta, che può essere drastica o in certi casi graduale, sono diverse: c’è chi decide di evitare il consumo di carne per ragioni di salute e chi sceglie una dieta povera di proteine animali per la forma o per una questione econoamica.

Si tratta ovviamente di una decisione personale e le motivazioni sono di carattere soggettivo, ma effettivamente sembra che ridurre il consumo di carne sia vantaggioso, e non solo per la nostra salute, anche per la nostra mente e per l’ambiente.

Una questione di etica e ambiente

Le persone che decidono di ridurre l’apporto di carne sono sempre più numerose e la maggioranza di chi compie questo passo nella propria dieta è motivata da una questione prima di tutto etica, che punta al rispetto di tutti gli essere viventi e ovviamente alla loro salvaguardia.

Il benessere degli animali è diventato sempre più importante nella nostra società, soprattutto dopo che numerosi documentari hanno denunciato il loro sfruttamento e le condizioni disumane nelle quali vengono fatti crescere.

Queste ragioni, che si fondano su basi etiche, includono il maltrattamento nei confronti degli animali, tra cui la vivisezione e l’utilizzo delle loro pellicce, per citare le forme crudeltà più diffuse nei loro confronti.

L’etica si fonda con la questione ecologica, il nostro ambiente naturale, perché la maggiore causa del riscaldamento globale è la produzione di anidride carbonica, provocata dal nostro inquinamento ma anche dalla presenza di miliardi di allevamenti intensivi in tutto il mondo.

La carne sembra infatti incidere per il 18% sull’effetto serra, mentre le automobili solo il 13%, due percentuali che rappresentano un’altra motivazione che spinge le persone a ridurre o addirittura evitare il consumo di carne.

Infine, l’agricoltura, che mira sempre di più alla creazione di allevamenti animali piuttosto che alla coltivazione di legumi, cereali e frutta. Incrementare questo tipo di coltivazioni significherebbe sfamare circa un miliardo di persone in più rispetto a ora.

I benefici della riduzione di carne

I vantaggi nel consumare meno carne o nell’evitarla del tutto sono davvero tanti, e non si limitano a etica e ambiente, ma riguardano anche la nostra salute. Da anni si svolgono infatti ricerche e studi che hanno confermato la potenziale dannosità della carne, soprattutto se viene consumata in maniera eccessiva.

Una dieta equilibrata, che contempla un’alimentazione varia, con il corretto apporto di ogni alimento, qualora ovviamente non ci dovessero essere allergie o intolleranze alimentari, è la scelta migliore.

Dobbiamo considerare anche la presenza di sostanze infiammanti ed endotossine all’interno della carne che consumiamo regolarmente, che certamente non apportano vantaggi alla salute, anzi, la mettono sempre più a repentaglio.

Inoltre, la dieta vegana e vegetariana è diventata un “must” per tantissime persone, anche per la grande valenza energetica e non calorica, che permette di mantenersi in forma modificando le proprie abitudini alimentari.

La scoperta di nuovi sapori

Viviamo in un mondo dove i fast food sono diventati il simbolo delle nostre abitudini alimentari, dettate soprattutto dalla vita frenetica di tutti i giorni, scandita da mille impegni. Ed ecco che sembra così difficile evitare il consumo di carne se non c’è abbastanza convinzione, ma è possibile ridurre la quantità di cui ci alimentiamo, in maniera tale da assicurare una dieta varia.

Se escludere completamente la carne può diventare una scelta troppo drastica per qualcuno, è possibile variare la propria dieta scegliendo tra l’infinita quantità di legumi, verdura e frutta. Se non lo avete mai provato, fate un tentativo con il seitan o il tempeh, due alternative gettonatissime per coloro che desiderano provare alternative valide alla carne.

Esistono davvero tanti alimenti che possono essere sostituti di questa sostanza, una sfilza di cereali e di legumi, frutta, verdura e ortaggi, in maniera tale da garantire al corpo un corretto fabbisogno energetico, tentando nello stesso tempo di consumare una quantità di carne limitata, e possibilmente di qualità garantita.

A questo proposito, se siete alla ricerca di ricette sfiziose per deliziare i vostri palati evitando la carne, date un’occhiata alla proposte che trovate sul sito cucinareoggi.com.

Rispondi

LASCIA IL TUO COMMENTO
Metti il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.