Cosa significa il Metaverso di Facebook per la crittografia

0
61
foto generica da Pixabay

L’idea del metaverso si è sviluppata per anni, ma la decisione di Facebook di ribattezzare Meta Platforms (NASDAQ:FB) ha catapultato il concetto tecnologico nella coscienza mainstream. Apparentemente ogni media sta parlando del metaverso e di come potrebbe cambiare le nostre vite per sempre.

Ma il metaverso – questa idea di un mondo digitale che incarna internet stesso, accessibile tramite un auricolare di realtà virtuale – si estende ben oltre i videogiochi e le esperienze condivise via web. Meta Platforms ha anche piani di criptovaluta in cantiere, poiché l’ulteriore radicamento del mondo digitale nella vita quotidiana riscriverà anche il copione su ciò che significa acquistare e possedere qualcosa.

Facebook si ribattezza, proprio come ha ribattezzato il suo progetto di criptovaluta

Il cambio di nome di Facebook in Meta Platforms è solo l’ultimo segnale che l’azienda ha aspirazioni che vanno molto oltre la gestione di un enorme impero di social media con miliardi di utenti. Da un paio d’anni a questa parte, l’azienda sta lavorando sulla propria blockchain e criptovaluta, prima conosciuta come Libra ma poi rinominata Diem dopo il controllo del regolatore governativo. Diem rimane in attesa in quanto deve ancora ricevere l’autorizzazione negli Stati Uniti come piattaforma di pagamento digitale.

 

Che cosa ha a che fare questo con le meta-piattaforme? Le criptovalute e il metaverso sono più correlati l’uno all’altro di quanto molti si rendano conto. Il termine metaverso risale al libro di fantascienza Snow Crash del 1992 di Neal Stephenson. E mentre internet è cresciuto, una moneta costruita per lo scambio di beni digitali è stata l’idea originale dietro Bitcoin (CRYPTO:BTC). L’ascesa di Bitcoin ha generato migliaia di altre “altcoins” e reti blockchain, molte delle quali cercano di risolvere vari punti dolenti nell’economia digitale.

Gli sviluppatori di blockchain hanno afferrato presto l’idea del metaverso. Con l’aumento dell’uso quotidiano degli strumenti digitali e dell’intrattenimento, aumenterà anche la proprietà dei beni digitali nel tempo.Ma come si fa a garantire i diritti su un oggetto virtuale, come un pezzo d’arte, un’opera musicale o un oggetto di un videogioco? Ancora più stimolante, che dire delle versioni digitali di oggetti personali come vestiti e accessori? È qui che entra in gioco la tecnologia blockchain.

Un primo uso degli NFT basati su una blockchain è stata l’arte digitale, ma potrebbe diventare il tessuto stesso del metaverso che garantisce che le cose virtuali che possiedi nella tua vita digitale non vengano rubate.

Questo è tutto un pensiero piuttosto radicale, ma l’idea è stata approssimativamente approssimata e visualizzata dall’adattamento cinematografico di Stephen Spielberg del romanzo Ready Player One di Ernest Cline. Ed è per questo che il metaverso di Facebook e la criptovaluta Diem sono così importanti.

Contemporaneamente alla costruzione di un mondo virtuale condiviso dove le persone possono uscire, interagire e fare affari, l’azienda sta anche costruendo una struttura finanziaria da cui gli utenti possono acquistare e conservare i loro oggetti digitali. Il metaverso potrebbe sigillare l’accordo per la valuta digitale decentralizzata

Per essere sicuri, è ancora presto per il metaverso e le criptovalute. Infatti, nella telefonata sui guadagni del Q3 2021, il neo battezzato CEO di Meta Platforms Mark Zuckerberg ha detto che i risultati finanziari effettivi non saranno significativi per il metaverso (e, probabilmente, per il relativo progetto di criptovalute) fino a molto più tardi in questo decennio.

Ma la sperimentazione di questo progetto è già in corso.

 

Mentre Diem (e il suo partner bancario Silvergate Capital (NYSE:SI)) aspetta nelle ali, Meta Platforms ha recentemente lanciato un progetto di portafoglio cripto chiamato Novi (che, sorpresa, è stato anche ribattezzato e precedentemente conosciuto come Calibra).

Il programma pilota del portafoglio digitale userà la stablecoin Paxos (CRYPTO:PAX) e i partner con Coinbase Global (NASDAQ:COIN) per consentire a un piccolo gruppo di utenti negli Stati Uniti e in Guatemala di effettuare trasferimenti di denaro transfrontalieri peer-to-peer (noti come rimesse). L’industria delle rimesse gestisce centinaia di miliardi di dollari all’anno ed è altamente redditizia, e Novi spera di accelerare il processo di trasferimento di denaro tra i membri della famiglia insieme al risparmio sui costi. Per ora, Novi sarà gratuito da usare.

Fondamentalmente, siamo nella fase iniziale di sperimentazione per le criptovalute e il metaverso, Novi è solo una di queste sperimentazioni da parte della società precedentemente conosciuta come Facebook. Ma se Meta Platforms realizza le sue aspirazioni, potrebbe avere una delle più robuste piattaforme di calcolo che comprende videogiochi e applicazioni, un sistema di pagamenti e di sicurezza degli asset, e tutte le infrastrutture di supporto dietro di esso entro la fine del 2020. Un mosaico di altre blockchain interoperabili (come Ethereum), app (come quelle costruite da artisti del calibro di Unity Software), e infrastrutture (come i semiconduttori progettati da NVIDIA) basate su principi veramente decentralizzati potrebbero essere i principali rivali di Meta Platforms.

In altre parole, Meta Platforms e i suoi miliardi di utenti mensili di social media non fanno altro che suggellare l’accordo: le valute e gli asset digitali rimangono in circolazione per sempre. Ora inizia la gara per costruire il miglior metaverso con un’esperienza di asset digitali di supporto.

 

Rispondi

LASCIA IL TUO COMMENTO
Metti il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.