August 17, 2017

“Un giorno per la nostra città”, l’impegno della B per valorizzare i territori

I club della Serie B ConTe.it saranno coinvolti in questi giorni in varie iniziative per sensibilizzare la conoscenza delle ricchezze storiche e artistiche delle città
  • 4 Mesi fa

Ultimo appuntamento stagionale di “Un giorno per la nostra città” con i club della Serie B ConTe.it che attraverso una serie di eventi si danno come obiettivo la conoscenza e la valorizzazione del proprio territorio. Il progetto, pensato e organizzato dalla Lega B per creare legame fra la squadra e l’ambiente che li ospita non limitandolo alla sola partita del sabato, prevede che ognuna delle 22 società, con i propri calciatori, allenatori, dirigenti, dedichi un giorno al mese alla propria comunità, da ottobre ad aprile, impegnandosi a realizzare iniziative a favore dell’infanzia, la terza età, l’integrazione sociale, la diversa abilità, l’educazione civica e, appunto, per promuovere il proprio territorio ricco di eccellenze storiche, artistiche e archeologiche.

Diverse società insieme all’Amministrazione Comunale hanno scelto di coinvolgere in un giusto mix scolaresche e calciatori, che assumono contemporaneamente il ruolo di guide e visitatori raccontando, sulla base di alcuni testi, ai ragazzi in modo originale le bellezze della zona. Un modo per avvicinare i giocatori alla storia e alla cultura della città, nella quale lavorano da professionisti del calcio, e per le nuove generazioni che, coinvolte, porteranno interesse per gli argomenti trattati. L’Ascoli ha realizzato l'”Happy hour Picchio” in Piazza del Popolo: una gara culinaria di specialità locali fra la squadra degli “Enfants terribles”, composta dai classe ’97, e quella dei “Cuochi per caso”. Giuria composta dal Prof. Leonardo Seghetti, docente dell’Istituto Tecnico Agrario “C.Ulpiani” di Ascoli ed esperto di oliva DOP, dal produttore di olive Tempera, dal difensore dell’Ascoli Gigliotti, dal proprietario del Lorenz Valenti e da giornalisti. Previste iniziative similari anche a Brescia, Ferrara, Novara, Perugia e Vercelli. Ma non tutti i club hanno aderito a questa sorta di ‘caccia al tesoro’. A Spezia la promozione delle bellezze del Golfo passa attraverso l’incontro con i mitilicoltori in barca affiancati dai giocatori in una giornata tipo fatta di raccolta, sgranatura, lavaggio e scelta del prodotto. Il Frosinone sarà invece in visita al Campanile, il Cittadella alla Casa del Capitano, una struttura medievale adiacente il torrione di Porta Bassano, l’Avellino alla Collegiata, un tempio a croce latina, di Solofra. Il Cesena va alla Stamperia Pascucci, un’antica bottega artigiana che produce tele stampate a mano, la Salernitana partecipa a un incontro con i ragazzi della Scuola di Baronissi organizzato con la collaborazione di un’azienda specializzata nella lavorazione del tonno. Il Trapani ha deciso di impegnarsi nella creazione di uno spot promo sulle eccellenze architettoniche e paesaggistiche della città, il Carpi si reca al Museo della città al Palazzo dei Pio, dove il sindaco Alberto Bellelli fa da Cicerone alla squadra presentando e guidando la visita. A Terni la squadra ha già fatto visita nei giorni scorsi a un’azienda vinicola locale. A Verona i gialloblù di ieri, Adailton, Fanna, Penzo, fanno da guida ai gialloblù di domani, i ragazzi della Primavera, alla scoperta delle bellezze della città scaligera.

Commenti

  • facebook
  • googleplus
  • twitter
  • linkedin
  • linkedin
Indietro «
Avanti »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.