martedì, settembre 18, 2018
Home Notizie Argomenti E’ fatta: il presidente Bellini ha venduto l’Ascoli Picchio a Bricofer

E’ fatta: il presidente Bellini ha venduto l’Ascoli Picchio a Bricofer

L'Ascoli Calcio è ora di proprietà del gruppo romano guidato da Massimo Pulcinelli, che dovrà ricostruire e rafforzare la squadra sul mercato

1
381
L'imprenditore Massimo Pulcinelli, foto da YouTube
L'imprenditore Massimo Pulcinelli, foto da YouTube

Le trattative sono durate per diverse settimane e fino all’ultimo non c’erano certezze sulla chiusura. Ma ora è fatta, secondo quanto riferisce l’edizione on line del Resto del Carlino Ascoli. Il presidente dell’Ascoli Picchio Francesco Bellini, infatti – dopo quattro anni di lavoro – ha ceduto le quote di maggioranza della società al gruppo romano Bricofer, guidato dall’imprenditore Massimo Pulcinelli.

ASCOLI PICCHIO NEWS: BRICOFER E’ IL NUOVO PROPRIETARIO

L’accordo – con la rituale stretta di mano – è arrivato nel pirimo pomeriggio di ieri, dopo che Pulcinelli aveva sollecitato risposte rapide all’italo-canadese Bellini per la cessione della società calcistica. I dettagli dell’operazione non sono ancora noti, ma pare che l’operazione abbia un importo di circa 8 milioni di euro. Ma il gruppo romano non dovrebbe essere solo nel nuovo corso dell’Ascoli Picchio: della cordata compratrice, infatti, dovrebbero far parte anche alcuni imprenditori piceni (i nomi che circolano sono quelli di Giuliano Tosti e Gianluca Ciccoianni e Graziano Giordani della Graziano Ricami di Venarotta).

IL GRUPPO BRICOFER E MASSIMO PULCINELLI

La storia del gruppo che ha acquistato l’Ascoli Calcio inizia nel 1979, quando Aldo Pulcinelli decide di aprire un piccolo negozio di ferramenta a Roma. Nel 1987 per andare incontro alle crescenti richieste del settore, l’azienda decide di dar vita ad un gruppo d’acquisto composto di dettaglianti per abbassare i prezzi d’acquisto, ma la svolta decisiva giunge nel 1989, quando uno dei figli di Aldo, Massimo Pulcinelli inizia a sviluppare una rete di punti vendita a gestione diretta e punti vendita in franchising. Dal 1999 il gruppo è il più grande network 100% italiano del fai da te.

I NODI DEL CALCIOMERCATO

Ora la nuova società dovrà buttarsi velocemente sulle questioni operative. In attesa del ritiro (che inizierà il 14 luglio a Cascia). il primo nodo da sciogliere è quello dell’eventuale rinnovo del contratto a Serse Cosmi, vero artefiche della salvezza del Picchio in Serie B (ottenuta in extremis contro l’Entella). Poi bisognerà risolvere la questione delle comproprietà con diritto di riscatto e infine la questione della lunghissima lista dei possibili partenti. In molti, infatti, hanno già deciso di andarsene e altri sono in procinto di farlo: sta ora a Massimo Pulcinelli e  a Bricofer convincerli a restare. Buttandosi poi sul calcio mercato per costruire una squadra solida, che punti almeno a restare in B senza patemi. Infine c’è la questione dello stadio del Duca e dei rapporti con l’amministrazione comunale rappresentata da Guido Castelli, arrivati recentemente ai minimi storici.

Un comento

  1. […] “E’ stata completata la cessione di Andrea Favilli alla Juventus, che ha rispettato gli accordi. All’Ascoli arriveranno 7,5 milioni di € distribuiti in più tranche”. A dirlo è stato il presidente Francesco Bellini durante la conferenza stampa convocata oggi, in cui ha dato anche conto delle trattative ancora in corso per la vendita al gruppo romano Bricofer (e dunque smentendo l’indiscrezione sull’accordo pubblicata dal Resto del Carlino Ascoli). […]

Rispondi

LASCIA IL TUO COMMENTO
Metti il tuo nome qui

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviarti messaggi personalizzati. PER SAPERNE DI PIU', E LEGGERE LA NOSTRA PRIVACY E COOKIE POLICY CLICCA QUI. Non proseguire nella navigazione se non hai letto la Privacy e Cookie policy e se non accetti le condizioni indicate. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi