Uccise la zia a coltellate: assolto perché incapace di intendere e volere

Il Gip, durante il processo con rito abbreviato, ha stabilito che il 41enne sia ricoveraato in una struttura sanitaria protetta per almeno due anni

0
296
Sentenza Ascoli
Sentenza Ascoli

Il tribunale di Ascoli Piceno ha assolto il 41enne che nel settembre dello scorso anno aveva ucciso a coltellate la zia 70enne riferendo che a suggerirgli l’efferato delitto era stata Santa Rita in persona.

Il Gip, durante il processo con rito abbreviato, ha accolto la richiesta della difesa e assolto l’omicida perché incapace di intendere e volere, stabilendo nel contempo che il 41enne sia ricoveraato in una struttura sanitaria protetta per almeno due anni.

Rispondi

LASCIA IL TUO COMMENTO
Metti il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.