Tra la querelle societaria e il mercato: l’Ascoli che verrà

La festa per la salvezza in Serie B è ancora un ricordo vivido tra i tifosi dell’Ascoli, ma ora si pensa ad altro e le incognite sono molte

0
278
Ascoli Picchio News: il presidente dell'Ascoli Francesco Bellini
Ascoli Picchio News: il presidente dell'Ascoli Francesco Bellini

La festa per la salvezza in Serie B è ancora un ricordo vivido tra i tifosi dell’Ascoli, che con il doppio 0-0 contro la Virtus Entella, nel doppio confronto, si è assicurato la permanenza nella categoria, per via del miglior piazzamento nella regular season.  Ora si pensa ad altro: la trattativa tra la famiglia Bellini e la Bricofer di Puccinelli per l’acquisizione della società non sta andando proprio a buon fine, come evidenziato dal doppio comunicato del 21 giugno.

In un primo momento è arrivato il comunicato ufficiale del club marchigiano, che ha scritto così: “Con riferimento alla trattativa per il passaggio di proprietà dell’Ascoli Picchio FC 1898 S.p.A. a Bricofer Italia S.p.A., il Club bianconero comunica che non è stato raggiunto l’accordo sulle garanzie da fornire per l’acquisizione del pacchetto di maggioranza della Società. Il Presidente Bellini ringrazia per l’interessamento mostrato nei confronti dell’Ascoli Picchio la Bricofer e il suo Presidente Pulcinelli, certo che sarebbe stato all’altezza della piazza bianconera. Il ringraziamento si estende anche ai dirigenti e ai professionisti della Bricofer per la collaborazione offerta. Il Patron continuerà la ricerca di eventuali acquirenti a cui cedere la proprietà del Club“.

È arrivata, a stretto giro di posta, la riposta della società Bricofer, che non ha di erto attenuato i toni. “Bricofer Italia SpA tenuto conto delle dichiarazioni rilasciate oggi dalla società Ascoli Picchio SpA si trova suo malgrado costretta a rettificare quanto ivi riportato che vede nel mancato accordo sulle garanzie che Bricofer avrebbe dovuto fornire, il non perfezionamento dell’operazione. Quest’ultima, dopo oltre 2 settimane di trattative, si sarebbe difatti dovuta concludere in sede notarile sabato 23 giugno 2018, ma solo nel pomeriggio di oggi dalla parte venditrice sono state formulate nuove e diverse richieste in termini di ulteriori garanzie, con l’oggettiva impossibilità da parte di Bricofer Italia SpA di farvi fronte nei termini indicati. Pertanto si ritiene che le ulteriori richieste avanzate sono da considerarsi unicamente come espressione della indisponibilità della venditrice a proseguire la trattativa. Ad avallo di quanto sopra, vi sono i numerosi testi negoziali scambiati tra le parti assistite dai propri professionisti e consulenti, ove di dette nuove ed ulteriori garanzie non vi è alcuna traccia ad oggi pomeriggio”.

A questo punto, dunque, c’è bisogno di aspettare e di attendere nuove notizie. Ma la trattativa con Bricofer è oggi ferma, mentre quella tra Francesco Bellini e Gilberto Candeloro non si capisce a che punto sia arrivata.

Bisogna pensare, ovviamente, anche a cosa potrà essere l’Ascoli dell’anno prossimo. Nonostante una società di Serie B non sia sicuramente interessata ad operazioni di altissimo profilo, i Mondiali comunque possono bloccare un po’ le cose. C’è, però, da stare molto attenti, perché qualche volta i Campionati del Mondo possono regalare delle vere e proprie meteore a prezzi gonfiati, per via di una buona prova con la propria Nazionale. In Italia ricordiamo ad esempio Trevor Francis, arrivato alla Sampdoria dopo il 1982 come un bomber implacabile, ma che non lasciò per niente il segno. In difesa, invece, sono arrivati i peggiori: Marcio Santos, fresco Campione del Mondo con il Brasile, fu acquistato dalla Fiorentina nel 1994, ma non viene ricordato con grande simpatia. A Firenze, dopo il 1998, arrivò anche Jorg Heinrich, tedesco che però non si accasò molto bene e dopo due campionati mediocri andò al Borussia Dortmund.

Insomma, una situazione in divenire. Prima c’è bisogno di aggiustare la questione societaria, poi la necessità è quella di intervenire sul mercato per evitare le tribolazioni di quest’anno. Ovviamente senza farsi accecare e sbagliare tutto.

Rispondi

LASCIA IL TUO COMMENTO
Metti il tuo nome qui