Stadio Del Duca, il sindaco Castelli: l’abbiamo messo a norma noi per la B

Il primo cittadino di Ascoli Piceno annuncia gli interventi fatti dall'amministrazione per permettere l'omologazione dell'impianto

1
403
Il sindaco di Ascoli Guido Castelli
Il sindaco di Ascoli Guido Castelli
“I tifosi sappiano che ci sono tutte le caratteristiche affinchè lo stadio Del Duca, come avevo sempre detto, possa essere in condizione di sostenere la disputa del campionato di Serie B”. A dirlo è stato ieri il sindaco di Ascoli Guido Castelli, con un video pubblicato sul suo profilo Facebook che ripercorre la vicenda dello stadio e delle condizioni per l’omologazione dell’impianto. Una storia infinita, caratterizzata da un duro scontro tra Castelli e Bellini, che aveva anche minacciato di giocare le partite casalinghe del Picchio a Lanciano.
Dopo aver sottolineato di non voler commentare le vicende della mancata cessione a Bricofer e la permanenza del presidente dell’Ascoli Calcio Francesco Bellini (che proprio ieri ha rilasciato un comunicato), Castelli  ha quindi sottolineato che il Comune si è attivato per capire i requisiti dell’impianto per l’iscrizione alla B.
“Abbiamo appreso nei giorni scorsi che l’Ascoli Calcio non aveva rinnovato il contratto per il mantenimento della tribuna modulare che da qualche tempo sostituisce la Curva Sud lesionata dal terremoto – ha detto – abbiamo preso la decisione di subentrare all’Ascoli Picchio nel rapporto di affitto della tribuna modularem che quindi non sarà smontata”, ma mantenuta fino a quando non sarà consegnata la nuova Tribuna Est.
“Ci siamo inoltre resi conto – ha aggiunto il primo cittadino di Ascoli – che nessuno avesse operato scelte precise per quanto riguarda la prescrizione dei cosiddetti seggiolini, la Lega infatti prevede e prescrive che per ciascuno stadio debbano esserci almeno 5500 sedute munite di seggiolini. L’Ascoli Picchio non si era attivato in tal senso e nessuno avevo chiesto deroghe, di conseguenza noi in questa settimana ci siamo anche premurati di garantire i 5500 seggiolini. Abbiamo fatto sì – ha concluso Castelli – che 3mila seggiolini verranno montati proprio sulla tribuna modulare, altri 1300 saranno montati in altri settori dello stadio, ritengo nei Distinti Nord-Ovest, poi circa 1200 ci sono già nella Tribuna Ovest, quella che a causa del terremoto è purtroppo attualmente scoperta”.

Un comento

  1. Dott Castelli senza voler fare polemica che verrebbe scambiate x diversità di pensieri politici, ma semplicemente x onestà intellettuale, non le sembra trionfalistico il suo comunicato? A me personalmente sembra che la cosa non doveva neppure essere comunicata in quanto lo stadio mi risulta sia del comune di Ascoli Piceno che lei gestisce in qualità di primo cittadino e pertanto è naturale che doveva essere la sua amministrazione a provvedere! Se ho commesso l’errore di interpretare male la regola lei sarei grato volesse rendermene atto. Buona Giornata e buon Lavoro.

Rispondi

LASCIA IL TUO COMMENTO
Metti il tuo nome qui