Quali sono le lauree per entrare nelle forze armate?

Per entrare nelle forze armate, i titoli di accesso sono molteplici e sono collegati principalmente al ruolo che si vorrà svolgere all’interno di uno dei corpi che costituiscono il nostro apparato della Difesa

0
196
Carabinieri, foto generica da Pixabay

Per entrare nelle forze armate, i titoli di accesso sono molteplici e sono collegati principalmente al ruolo che si vorrà svolgere all’interno di uno dei corpi che costituiscono il nostro apparato della Difesa.

Bisogna specificare che l’accesso ai servizi militari è concesso anche attraverso il diploma, ma per aspirare ad una carriera importante nelle forze armate, è obbligatoria la laurea. I titoli necessari sono specificati in appositi elenchi ufficiali disponibili di volta in volta in gazzetta ufficiale quando vengono pubblicati i concorsi e che si possono trovare anche sui siti dei rispettivi ordini militari.

La laurea si può conseguire anche se si è già nelle Forze Armate e la laurea in giurisprudenza online con Unicusano consente di frequentare i corsi anche a distanza, senza l’obbligo di seguire le lezioni ed evitando così conflitti con il lavoro ed allungamento dei tempi necessari per conseguire il titolo. La laurea in giurisprudenza è una della più richieste ed è presente in molti concorsi in quest’ambito. Rappresenta quindi una buona scelta per poter avere maggiori possibilità, come ad esempio diventare commissario di Polizia di Stato, Polizia Scientifica e Tenente dei Carabinieri. Accanto a Giurisprudenza trovano ampio spazio nei ruoli tecnico – amministrativi le lauree in economia, scienze politiche e scienze delle pubbliche amministrazioni.

Lauree Tecniche

Per alcuni concorsi c’è bisogno di lauree specifiche e tecniche, perché il ruolo richiede competenze particolari al fine di gestire al meglio i reparti assegnati.
La Polizia Scientifica è uno dei reparti più tecnici delle forze armate, quindi per diventare direttore delle singole sezioni sono richieste le lauree magistrali in ingegneria delle telecomunicazioni, ingegneria della sicurezza, ingegneria meccanica ed equipollenti. Per il reparto tecnico biologico, sono richieste tutte le lauree magistrali inerenti la biotecnologia. Per il reparto tecnico fisico sono necessarie le lauree magistrali in informatica, ingegneria informatica, sicurezza informatica, Ingegneria dell’automazione, Ingegneria della sicurezza, Ingegneria delle telecomunicazioni, Ingegneria elettronica e  Sicurezza informatica. Per concorrere infine al ruolo di direttore tecnico chimico, le lauree magistrali richieste sono scienze chimiche, scienze e ingegneria dei materiali, scienza e tecnologie della chimica industriale.

Discorso molto simile per i tenenti dei Carabinieri, che hanno all’interno alcune specializzazioni, come quella telematica e del genio, che necessitano di lauree specifiche in ingegneria informatica, sicurezza e anche architettura e ingegneria meccanica. Occorre inoltre avere l’abilitazione allo svolgimento della professione.

Lauree Speciali per l’esercito

Le lauree magistrali utili per diventare Tenenti e Marescialli di corpi speciali dell’Esercito sono molto specifiche. Prima di iscriversi all’Università il consiglio è quello di verificare nello specifico quali sono se si vuole entrare, ad esempio, nel corpo ingegneri o sanitario dell’esercito. Nel primo caso l’accesso è riservato a coloro che hanno conseguito una laurea in diverse specializzazioni di ingegneria, di informatica, di scienze chimiche, di fisica, di biologia ed ingegneria biomedica. Nel secondo caso, bisogna essere laureati e abilitati in Medicina e Chirurgia. La specializzazione in Sanità c’è anche per il ruolo di Maresciallo dell’Esercito. In questo caso la laurea d’accesso è quella in professioni sanitarie infermieristiche, in professioni della riabilitazione e in professione sanitaria del fisioterapista, igiene dentale e professioni sanitarie tecniche.

 

Rispondi

LASCIA IL TUO COMMENTO
Metti il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.