Famiglie numerose, il Comune di Ascoli Piceno lancia la stanza del dono

Il Comune ha messo a disposizione un locale, situato all’interno dell’ex mattatoio comunale in località Al Battente (via dei Castagneti), in cui sarà possibile conferire beni di consumo

0
698
Famiglie numerose
Famiglie numerose
L’Amministrazione comunale, su iniziativa dell’Assessore alla Politiche Sociali Donatella Ferretti, ha avviato un progetto in favore delle famiglie numerose. Il Comune  ha messo a disposizione un locale, situato all’interno dell’ex mattatoio comunale in località Al Battente (via dei Castagneti), in cui sarà possibile conferire beni di consumo, non più utilizzati ma in buone condizioni, che verranno poi destinati alle famiglie numerose. Una sorta di stanza del dono da cui i nuclei in difficoltà potranno trovare aiuto.
I referenti individuati per l’iniziativa sono Marco e Grazia Galiè, cittadini ascolani e consiglieri nazionali dell’Associazione Nazionale Famiglie Numerose. L’associazione si occupa dei problemi dei nuclei con un numero pari o superiore a tre figli e mira a promuovere e salvaguardare i loro diritti attraverso il sostegno alla partecipazione attiva dei componenti alla vita culturale, sociale, politica, alle iniziative di promozione umana e dei servizi alla persona. (info@famiglienumerose.org)
Il locale ‘Riù’ sarà aperto il giovedì pomeriggio dalle 14,30 alle 15,45 sia per il ritiro che per le donazioni. Si potranno consegnare o ritirare: abbigliamento da 0 ai 14 anni, scarpe, passeggini, carrozzine, culle ed accessori per la puericultura. Le donazioni saranno fatte dagli associati, ma anche dai semplici cittadini che vorranno dare una mano alle famiglie numerose.
A tal proposito inizieranno a breve una serie di giornate di condivisione con  laboratori per bambini ed adulti.
Per ulteriori informazioni è possibile contattare: Marco (347.0801481) o Grazia (347.6485587)

 

Rispondi

LASCIA IL TUO COMMENTO
Metti il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.