Bici e albergo diffuso, Ripatransone punta sul turismo

L’Amministrazione Comunale ha deciso di avviare una fase di investimento su iniziative volte al miglioramento dell’esperienza turistica nel territorio

0
347
Il vicolop più stretto d'Italia, a Ripatransone

L’Amministrazione Comunale di Ripatransone – forte anche del recente riconoscimento di Skyscanner – ha deciso di avviare una fase di investimento su iniziative volte al miglioramento dell’esperienza turistica nel territorio.

Sabato 01 Dicembre si terrà un convegno dedicato al Modello dell’Albergo Diffuso e ad una sua possibile applicazione al Borgo di Ripatransone; relatore principale sarà il Prof. Giancarlo Dall’Ara, Docente di Marketing del Turismo e principale esperto italiano dell’AD.

Il modello dell’AD si basa sulla possibilità di offrire agli ospiti un’esperienza di vita all’interno di un centro storico supportata dalla disponibilità di servizi commerciali preesistenti nonché di una organizzazione istituzionale che supporti la presenza di turisti attraverso l’organizzazione di iniziative ricreative, culturali, enogastronomiche. Tale schema fonda le sue radici sulla disponibilità di abitazioni private inutilizzate che possono quindi essere riqualificate nonché messe a disposizione del turista “evoluto” che è alla ricerca di particolari scenari di visita del territorio.

E’ stato inoltre avviato uno studio pilota per incentivare la presenza cicloturistica nel territorio e migliorare l’esperienza di visita dei sempre più numerosi “turisti a pedali” che esplorano la Regione Marche.

Ripatransone vanta una tradizione ciclistica rilevante, sia attiva, essendo patria di numerosi appassionati cicloamatori nonché agonisti, sia passiva, essendo meta di arrivo (o di semplice passaggio) di migliaia di ciclisti nell’intero arco dell’anno in virtù della sua collocazione geografica nonché delle sue caratteristiche geomorfologiche. Si vuole per questo ragionare sulla possibilità di strutturare un modello organizzativo tale da offrire un’esperienza aumentata al flusso cicloturistico attuale nonché abilitare la nostra realtà ad intercettare i flussi internazionali incentrati su una tipologia di visita che secondo ENIT, Agenzia Nazionale del Turismo, muove un vasto indotto economico capace di generare fino a 4 Miliardi di Euro di fatturato. In tale contesto, la Città di Ripatransone vuole ricoprire un ruolo da protagonista in virtù della disponibilità di un patrimonio ambientale, culturale e sportivo di altissimo pregio, capace quindi di originare solide ricadute socio-economiche sul territorio.

 

Rispondi

LASCIA IL TUO COMMENTO
Metti il tuo nome qui