Casinò Sanremo, nuove idee su porta Matteotti

0
244
Casinò di Sanremo
Casinò di Sanremo

Sanremo è il paese del casinò. Dopo il via libera del consiglio comunale al piano d’impresa, è giunta così una mega notizia positiva per i conti della Casa da gioco. +11% rispetto all’incasso dell’anno precedente portati dalle slot e dai giochi americani.

L’ondata di positività era stata già annunciata in anteprima dal presidente del consiglio di amministrazione Massimo Calvi, durante un’intervista. E ora sembra che le news non si fermino certo qua.

Pare infatti che all’orizzonte ci sia ancora una ulteriore novità importante che concerne la ‘partecipata della fortuna’. Calvi ha infatti citato di nuovo la Porta Matteotti, il nuovo ingresso che da qualche anno va verso il livello di proposta e di idea al cospetto dei vertici aziendali e del sindaco. Insomma, OK a casinò online come quelli presenti su Theglobalsquare.org, ma il casinò di Sanremo merita ancora un’altra chance.

Casinò Sanremo: porta Matteotti in arrivo

Il Cda, che si compone dei consiglieri Elvira Lombardi e Olmo Romeo, concluderà il suo mandato il prossimo 30 aprile. Non ci sono i tempi materiali per dare il via ai lavori di questo sostanzioso investimento le cui cifre si aggirano intorno ai 2,5 milioni di euro, ma il presidente punta a centrare, prima della scadenza della sua gestione, almeno uno scopo in proposito: bandire un concorso di idee per scegliere il progetto architettonico che sarà più originale.

Il presidente Calvi ha dichiarato che “La nostra idea è di avere a breve una stima di massima, fissare un tetto di spesa e indire un concorso di idee fra architetti. Chissà che non sia proposto un progetto particolarmente interessante.” Per chi non avesse capito a cosa si riferisce il nuovo ingresso del Casinò dovrebbe sorgere presso i locali commerciali della Casa da gioco, uno dei quali è ora occupato da un negozio per i prodotti brand Casinò di Sanremo e a ufficio informazioni.

Casinò Sanremo: da porta Matteotti al tunnel sotterraneo

Dalla porta si diramerebbe poi un tunnel sotterraneo che sia il prolungamento dell’ingresso da via Matteotti fino all’interno della sala slot. Il dislivello sarebbe riempito così da una importante scala mobile con uscita nel salone dei giochi elettronici. Lungo la galleria ci sarà spazio per le vetrine delle marche in della moda. ‘Guardare ma non toccare’: niente serrande, solo esposizioni di prodotti che si possono esclusivamente comprare nelle boutique del centro.

Un elemento in più per spingere i curiosi e i turisti dentro l’edificio in stile liberty ideato dall’architetto francese Eugène Ferret. Non per forza a giocare, ma magari solo a bere qualcosa o a scoprire l’evoluzione di spettacoli che ospitati a teatro o le esibizioni sul palco del Roof Garden.

I volumi del Casinò Municipale, secondo il cDA, inevitabilmente sono sovradimensionati per l’attività di gioco. Bisogna diventare ricettivi anche per i curiosi che non per forza sono attratti dalle luci e dai suoni delle slot o dal lancio della pallina e i tavoli verdi.

 

 

Rispondi

LASCIA IL TUO COMMENTO
Metti il tuo nome qui